Sei qui: Home FILCA CISL Notizie Attualità LA FILCA CISL DI BARI SI COSTITUISCE PARTE CIVILE NEL CRAC DIVANIA

LA FILCA CISL DI BARI SI COSTITUISCE PARTE CIVILE NEL CRAC DIVANIA

LA NOSTRA PRIORITA’ E’ TUTELARE I 430 LAVORATORI DELLA DIVANIA LICENZIATI CHE NON SOLO, NON HANNO ALCUNA RESPONSABILITA’ DI QUANTO ACCADUTO, MA HANNO PAGATO A CARO PREZZO GLI ERRORI ALTRUI.

“UNA SITUAZIONE INACETTABILE CHE CI VEDE IMPEGNATI IN PRIMA LINEA PER UNA ESIGENZA FORTISSIMA DI EQUITA’ E GIUSTIZIA SOCIALE”. LO HA DICHIARATO ANTONIO DELLE NOCI, SEGRETARIO GENERALE DELLA FILCA CISL DI BARI, COMMENTANDO IL CRAC DELLA SOCIETA’ BARESE PER IL QUALE E’ IN CORSO UNA COMPLESSA INCHIESTA GIUDIZIARIA NELLA QUALE LA FILCA BARESE SI COSTITUIRA’ PARTE CIVILE.

LA VICENDA DELLA SOCIETA’ DIVANIA E’ LA CARTINA TORNASOLE DI QUELLO CHE STA ACCADENDO NEL PANORAMA IMPRENDITORIALE ITALIANO: QUANDO NON SONO LA CRISI O LE SCELTE SBAGLIATE DEGLI IMPRENDITORI, CI PENSA IL SISTEMA CREDITIZIO A PUNIRE I LAVORATORI, NON CONCEDENDO PRESTITI ALLE IMPRESE O, COME IN QUESTO CASO, COINVOLGENDO IMPRENDITORI IGNARI IN INVESTIMENTI QUANTO MENO DISCUTIBILI.

IL PROBLEMA E’ CHE CHI CI VA DI MEZZO SONO SEMPRE I LAVORATORI, ANCHE QUANDO LE SOCIETA’ PER LE QUALI LAVORANO SONO FLORIDE E STRUTTURATE, COME QUESTA FABBRICA DI DIVANI.

BASTI PENSARE – HA RICORDATO DELLE NOCI – CHE DIVANIA ERA UNA DELLE REALTA’ INDUSTRIALI PIU’ IMPORTANTI DEL SUD CHE IMPIEGAVA 430 OPERAI NEL SUO STABILIMENTO DI 40.000 METRI QUADRATI COPERTI ED UN FATTURATO DI 70.000.000 DI EURO. ERA FRA LE PRIME INDUSTRIE ESPORTATRICI DELLA PUGLIA. INSOMMA UN FIORE ALL’OCCHIELLO DEL TESSUTO INDUSTRIALE REGIONALE E NAZIONALE.

POI – HA AGGIUNTO IL SEGRETARIO GENERALE DELLA FILCA CISL DI BARI – E’ ARRIVATA LA BOLLA DEI DERIVATI CHE IN UN ATTIMO HA MESSO IN GINOCCHIO LA SOCIETA’ E NE HA BLOCCATO L’ATTIVITA’ COSTRINGENDO IL TITOLARE A LICENZIARE TUTTI I LAVORATORI E CHIUDERE L’AZIENDA.

SECONDO L’ACCUSA L’AMMINISTRATORE DELEGATO DI UNICREDIT, ALESSANDRO PROFUMO, ORA PRESIDENTE DI MPS, E L’ATTUALE Ad DI UNICREDIT, FEDERICO GHIZZONI, AVREBBERO INGANNATO FRANCESCO SAVERIO PARISI, TITOLARE DELLA DIVANIA, INDUCENDOLO A SOTTOSCRIVERE 203 CONTRATTI DERIVATI CHE HANNO IMPEDITO LA NORMALE ATTIVITA’ PRODUTTIVA DELLA SOCIETA’ E NE HANNO CAUSATO PRIMA IL DISSESTO E POI IL FALLIMENTO. L’ACCUSA NEI LORO CONFRONTI E’ DI CONCORSO IN BANCAROTTA FRAUDOLENTA. PER LORO DUE E PER ALTRI 14 INDAGATI TRA MANAGER E FUNZIONARI DI UNICREDIT, LA PROCURA DI BARI HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO E, SU SEGNALAZIONE DEL TRIBUNALE DI BARI, HA ANCHE APERTO UN ALTRO PROCEDIMENTO PENALE CONTRO UNICREDIT NEL QUALE SI IPOTIZZA LA CORRUZIONE IN ATTI GIUDIZIARI PER IL PAGAMENTO AL DI FUORI DI UNA LIQUIDAZIONE GIUDIZIALE DI BEN 470.000 EURO AI DUE PERITI NOMINATI DAL GIUDICE PER FARE LUCE NELLA CAUSA CIVILE INTENTATA DA DIVANIA CONTRO LA BANCA PER OTTENERE LA RESTITUZIONE DELLE SOMME INVESTITE NEI DERIVATI ED I RELATIVI INTERESSI CHE AVREBBERO SALVATO LA SOCIETA’ DAL FALLIMENTO.

AUSPICO DAVVERO – DICHIARA IL SEGRETARIO GENERALE DELLA FILCA CISL DI BARI ANTONIO DELLE NOCI – CHE L’AZIONE GIUDIZIARIA IN CORSO RIESCA A DEFINIRE LA VERITA’ E AD ASSICURARE LA GIUSTIZIA: I 430 LAVORATORI CHE SARANNO ASSISTITI GRATUITAMENTE DAI LEGALI DELLA FILCA CISL HANNO DIRITTO DI RICEVERE, NON SOLO LA DIFFERENZA TRA IL SALARIO ED IL TRATTAMENTO DI MOBILITA’ RICEVUTO NEI PRIMI DUE ANNI MA, SE DAVVERO SI VORRA’ FARE GIUSTIZIA, DOVRANNO RICEVERE ANCHE IL RISARCIMENTO DI TUTTI GLI ULTERIORI INCALCOLABILI DANNI SUBITI A CAUSA DELLE SOFFERENZE, DEI DISAGI, DELLE UMILIAZIONI E DELLE VERE TRAGEDIE FAMILIARI PATITE IN QUESTI ANNI.

 

di Ufficio Stampa Filca Cisl Bari

 

Filca CISL Bari